Pagine di vita in Benedizione di Kent Haruf

benedizione

Quando qualcuno ti regala un’immersione del tutto inaspettata nella letteratura contemporanea, genere che magari non rientra nei tuoi “preferiti”, ti senti innanzitutto incuriosita. Ho accolto Benedizione di Kent Haruf come dono e a mia volta ne ho fatto dono alla mia anima perché è così che stanno le cose quando il lettore prende in mano questo romanzo. Uno stile asciutto, senza fronzoli, molto moderno ma attento a non sviare mai il lettore dal quadro che le mani di Haruf vogliono dipingere, un quadro fatto di molti se e pochissimi ma. Se poi le storie che l’autore racconta sono così comuni e reali da far parte della vita di ognuno di noi, io credo che leggere un romanzo del genere possa significare creare una sorta di autobiografismo universale. Nella storia di Dad Lewis e del suo percorso di vita, nell’evoluzione millimetrica della sua malattia e nelle vicende dei personaggi di Holt, cittadina della immobile pianura americana, si può di certo scorgere il significato più profondo del vivere quotidiano. Una vita, un lavoro, una famiglia e poi i problemi. Leggendo le pagine che scorrono veloci viene quasi spontaneo presagire ciò che seguirà nella lettura, perché, in fondo, siamo tutti troppo uomini e troppo consapevoli del nostro comune destino ravvisabile nelle vite di tutti i personaggi che Haruf descrive. Storia ricca dunque. La vita di Dad Lewis e del suo cancro che non crea poi così tanti problemi rispetto alle normali preoccupazioni dell’esistenza; un reverendo, Lyle, con una famiglia problematica e impegnata a rifiutarsi di salvare le apparenze in una comunità chiusa, provinciale. E poi ancora un’orfana che ha perduto la madre a causa di quel cancro che, forse, potrebbe essere visto quasi come un “bicchiere mezzo pieno” in cui affondare lentamente le ansie del vivere quotidiano. Insomma, la trilogia della Pianura (di cui Benedizione costituisce il necessario incipit)  è una storia in continua evoluzione, un tuffo nella realtà americana più vera, un percorso di riflessione esistenziale fatto di lucidità e attenzione ai dettagli. Pagine da leggere tutte d’un fiato a ritmo coi mille cuori che costituiscono questa bella storia.

Kent Haruf, Benedizione, Trilogia della Pianura vol.1  , NN editore, 2015, Milano.

Lia Grisolia

Precedente Metro e metrò Successivo Datemi una leva e vi solleverò un controsoffitto!